Avvisi

Torna ad essere illuminato lo svincolo “Brasa” di viale Regione Siciliana, ripristinato anche il funzionamento di uno dei due circuiti di media tensione cui sono collegati gli impianti di via Messina Marine nel tratto compreso fra la via Diaz e l’ospedale Buccheri La Ferla. Sono alcune delle attività effettuate in questi giorni dagli operatori di AMG Energia.

E’ stato completato un intervento di riparazione ad ampio raggio che ha consentito la riaccensione di oltre cinquanta punti luce della corsia laterale lato monte di viale Regione Siciliana, limitrofa al carcere di Pagliarelli, e due torri faro. Un’attività specifica è stata effettuata in via prioritaria su due delle quattro torri faro dello svincolo, in attesa di un successivo intervento sulle altre due. Le attività eseguite hanno riguardato il ripristino dei cavi di alimentazione di bassa tensione e la sostituzione dei sezionatori (prese e spine di collegamento) presenti nelle corone degli impianti, oltre che la revisione dei meccanismi che consentono la loro movimentazione. Buona parte dei proiettori è stata riaccesa; i fari rimasti spenti sono quelli esausti, su cui non è possibile effettuare alcun tipo di intervento: sono apparecchiature di vecchia generazione, che contengono parti in amianto, e per tale motivo non possono essere aperte o rimosse. Il completamento dell’intervento, con l’esecuzione delle stesse attività sulle altre due torri faro, verrà programmato nelle prossime settimane.

“In questo momento difficile di emergenza per l’epidemia da coronavirus è stata data priorità assoluta alle riparazioni urgenti - spiega il presidente di AMG Energia, Mario Butera – dando la precedenza a tutte quelle situazioni in cui la presenza della luce è fondamentale per garantire massima sicurezza, come nel caso dello svincolo Brasa e della zona limitrofa all’ospedale Buccheri La Ferla. Vengono assicurate anche tutte quelle attività come la riaccensione di punti luce, il ripristino o la sostituzione di armature attraverso cui si può garantire la continuità di un servizio essenziale operando nel pieno rispetto delle misure di sicurezza per contenere l’epidemia”. In modo tempestivo è stato anche ripristinato il funzionamento parziale del circuito Messina Marine-Diaz-La Ferla 2 in attesa di un ulteriore intervento: vanno effettuati scavi per rintracciare un guasto ancora presente. L’attività di ripristino delle armature ha riguardato le vie Molara, Sambucia, Case Balati, Villa Grifotta. Oggi gli operatori sono al lavoro per la riparazione di guasti nell’area di via Pitré sui circuiti che alimentano la zona di via Cappuccini e quella di via Umberto Maddalena, in piazza Castelforte, in fondo Petyx e in largo Cavalieri del Lavoro.

Palermo 18 marzo 2020

Tornano ad accendersi a pieno regime gli impianti di pubblica illuminazione alimentati dalla cabina “Acqua dei Corsari”, dopo un lungo intervento effettuato dagli operatori di AMG Energia sulla cabina e su un circuito. E ieri un’altra attività urgente è stata assicurata in seguito ad un incidente stradale: ripristinato un sostegno colpito da un’auto in via Generale Domenico Chinnici dove sono collocati i dispositivi che alimentano i circuiti di bassa tensione della zona.

“In questo difficile momento di emergenza, la nostra società c’è ed è al lavoro, nel pieno rispetto delle misure di sicurezza per contenere l’epidemia, nonostante le difficoltà legate alla carenza di risorse umane nei settori che richiedono competenze di tipo specialistico - sottolinea il presidente di AMG Energia, Mario Butera - Il problema di Acqua dei Corsari era una delle nostre priorità, come più volte assicurato anche al consiglio della seconda circoscrizione. Lavoriamo per garantire la continuità del servizio e la sicurezza, sia nell’ambito dell’illuminazione pubblica che della distribuzione gas”.

Acqua dei Corsari. Riaccesi un centinaio di punti luce nella zona di Acqua dei Corsari, compresa fra le vie Galletti, Corselli ai Corsari, Pomara, Messina Montagne. L’illuminazione che torna accesa a pieno regime, era in precedenza in funzione a punti luce alternati per la presenza di due guasti ingenti, dell’interruttore generale della cabina e del trasformatore a bobina mobile, oltre che del guasto di un circuito. Con un intervento di manutenzione straordinaria, autorizzato dal Comune di Palermo, l’interruttore di media tensione della cabina di pubblica illuminazione - ormai vetusto, e non più riparabile - è stato sostituito con un dispositivo di nuova generazione. Con un intervento di manutenzione ordinaria, invece, è stato ripristinato il trasformatore a bobina mobile che è stato riparato. E’ stato necessario anche riparare il guasto presente su uno dei due circuiti di media tensione che alimentano l’illuminazione della zona (circuito Galletti/Pomara/Messina Montagne 2). L’illuminazione torna regolare anche in alcune strade (via Corselli ai Corsari, strada Vicinale Carmine, via Vian) che erano rimaste senza luce perché alimentate soltanto dal circuito guasto. L’intervento di riparazione prosegue nell’ultimo tratto di via Messina Montagne.    

Intervento in urgenza in via Chinnici.  Ieri pomeriggio un intervento in urgenza è stato assicurato dagli operatori di AMG Energia in via Generale Domenico Chinnici, dove un sostegno dell’illuminazione pubblica è stato incidentato. Per garantire il regolare funzionamento dell’illuminazione nella zona, il palo è stato subito sostituito: sul sostegno, infatti, si trovano le cassette in cui sono collocati i dispositivi che alimentano i circuiti di bassa tensione della zona.

Palermo, 13 marzo 2020

coronavirus covid 19Si rendono disponibili i principali documenti emanati dalle Autorità competenti in materia di emergenza epidemiologica da Covid-19.

https://www.costruiresalute.it/?q=coronavirus-sicilia 

 

 

 

 

 

Palermo aderisce a “M’illumino di meno” e domani (venerdì 6 marzo) spegnerà anche le luci di Palazzo delle Aquile, di piazza Pretoria e della fontana oltre a quelle del Teatro Massimo. Si allunga la lista dei luoghi simbolo della città che domani, a partire dal tardo pomeriggio, verranno spenti per testimoniare la piena condivisione della città di Palermo al tema della sostenibilità, della riduzione dei consumi energetici e di un loro ripensamento. Comune di Palermo e AMG Energia aderiscono, infatti, alla giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, iniziativa ideata nel 2005 da Caterpillar e da Rai Radio 2, dedicata, in particolare, quest’anno ad aumentare la presenza di alberi e piante nelle città.

Domani si spegneranno in modo simbolico dalle 18 alle 20 le luci di Palazzo delle Aquile e di piazza Pretoria e dalle 19 alle 20 quelle del Teatro Massimo, in piena condivisione con il messaggio che caratterizza la manifestazione: contribuire al risparmio energetico e ad una gestione più sostenibile delle risorse naturali a difesa dell’ambiente e del pianeta. AMG Energia, società partecipata del Comune che si occupa di energia, distribuzione metano e di gestione degli impianti di pubblica illuminazione cittadini, ha raccolto anche l’altro invito lanciato da “M’illumino di meno”: nell’ex area industriale di via Tiro a Segno, dove ha sede la società, sono stati piantati nuovi arbusti acquistati dai dipendenti, in modo da introdurre la sostenibilità nella propria vita quotidiana. Messe a dimora anche piante donate dal Vivaio comunale e dall’Orto Botanico.

Palermo 5 marzo 2020

Venerdì 6 marzo le luci del Teatro Massimo verranno spente per un’ora per testimoniare la piena condivisione della città di Palermo al tema della riduzione dei consumi energetici e di un loro ripensamento. Comune di Palermo e AMG Energia aderiscono anche quest’anno a “M’illumino di meno”, giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili, iniziativa ideata nel 2005 da Caterpillar e da Rai Radio 2, dedicata, in particolare, quest’anno ad aumentare la presenza di alberi e piante nelle città. Invito raccolto da AMG Energia, società partecipata del Comune che si occupa di energia, distribuzione metano e di gestione degli impianti di pubblica illuminazione cittadini: nell’ex area industriale di via Tiro a Segno dove ha sede la società sono stati piantati nuovi arbusti.

Si spegne per un’ora il Teatro Massimo.

Attraverso gli operatori di AMG Energia, il Comune di Palermo con la condivisione della Fondazione Teatro Massimo, spegnerà uno dei monumenti simbolo della città: dalle 19 alle 20 di venerdì si spegneranno le luci della facciata del teatro aderendo così all’invito lanciato dalla manifestazione di contribuire al risparmio energetico e ad una gestione più sostenibile delle risorse naturali a difesa dell’ambiente e del pianeta. “Ancora una volta da Palermo arriva una convinta adesione alla manifestazione simbolo dell'impegno necessario per un nuovo approccio alle politiche energetiche – afferma il sindaco Leoluca Orlando - Dal piccolo gesto del singolo cittadino alle più grandi scelte delle istituzioni e della politica, "M'illumino di meno" è riuscita a informare e sensibilizzare. E che da Palermo vi sia l'adesione del e con il Teatro Massimo, è il segno di quanto la cultura sia parte essenziale di questo percorso”.

Nuove piante nella sede di AMG Energia.

AMG Energia ha deciso di mettere in pratica l’invito che quest’anno caratterizza la giornata e cioè quello di piantare un albero per accrescere il verde presente in città, nei luoghi dove si vive e si lavora rendendo la sostenibilità un elemento della propria quotidianità. Nell’area di via Tiro a Segno, nella storica officina industriale dove veniva prodotto il gas manifatturato e oggi sede degli uffici della società, sono stati piantati nuovi arbusti, un evonimo e una thevetia, donati dall’Orto Botanico e piante di viburno acquistate dai dipendenti. Un’iniziativa di cui si sono fatti promotori gli stessi dipendenti, che se ne prenderanno cura, condivisa dai vertici aziendali. “Il messaggio che la società e i suoi dipendenti danno con l’adesione a “M’illumino di meno” è quello che tutti possiamo contribuire al cambio di passo necessario per il ripensamento dei consumi energetici e la tutela dell’ambiente - sottolinea il presidente, Mario Butera - Dallo spegnimento delle luci non indispensabili alla decisione di piantare nuovo verde nell’area dove ogni giorno si lavora, iniziativa che contiamo di ampliare, sono questi i piccoli gesti che possono fare la differenza e indurre il cambiamento. Un ringraziamento va all’Orto Botanico che ha dato immediata risposta alla richiesta dei dipendenti e ci ha donato due piante”.

Palermo 4 marzo 2020

Questo sito utilizza cookie di navigazione e/o di sessione. Inoltre sono presenti cookie di terze parti permanenti di tipo analytics utilizzati per fini di ottimizzazione del sito e cookie legati alla presenza dei “social plug-in”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa. Se accedi acconsenti all'uso dei cookie.