AMG ENERGIA S.P.A. - PALERMO

INFORMAZIONI RELATIVE AGLI IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE GESTITI

Rappresentazione geografica e schematica degli impianti di distribuzione

Sono disponibili per la visualizzazione file in formato DWF che rappresentano le reti di distribuzione metano gestiti da AMG Energia:
· Rete Comune di Palermo
· Rete Comune di Montelepre
· Rete Comune di Camporeale e frazione di Grisì del Comune di Monreale.

PALERMO - SCHEMA RETE GAS - GEN 2019.dwf

MONTELEPRE - SCHEMA RETE GAS - GEN 2019.dwf

CAMPOREALE E GRISI' - SCHEMA RETE GAS - GEN 2019.dwf

PALERMO - SCHEMA RETE GAS - GEN 2018.dwf

MONTELEPRE - SCHEMA RETE GAS - GEN 2018.dwf

CAMPOREALE E GRISI' - SCHEMA RETE GAS - GEN 2018.dwf

 

Per la visualizzazione dei file in formato DWF relativi alla rappresentazione schematica e geografica delle reti di distribuzione gas metano, occorre utilizzare il programma gratuito Autodesk Design Review. Il programma può essere scaricato direttamente dal sito Autodesk, utilizzando il link:
http://usa.autodesk.com/design-review/

Descrizione dei criteri per il dimensionamento dell’assetto distributivo
In funzione della tipologia di utenza prevista, dei gradi giorno del Comune di Palermo, dei consumi specifici di metano per i vari utilizzi, si calcola il consumo specifico medio per famiglia, nell’ora di massima erogazione.
Per il calcolo si tiene conto del fatto che le utenze non prelevano tutte contemporaneamente, applicando un fattore correttivo minore di uno, detto “coefficiente di  temporaneità”.
La portata massima oraria per utente e totale, come sopra determinate, vengono utilizzate per il dimensionamento dei gruppi di riduzione e delle condotte.
Per calcolare le perdite di carico della tubazione si applica, anche mediante apposito software di calcolo, la formula di Renouard, valida per le medie pressioni, e quella di pitzglass per le basse pressioni.

Caratteristiche tecniche degli Impianti di Distribuzione
Gli impianti metano sono realizzati in accordo al D.M. 16/04/2008 – “Regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e dei sistemi di distribuzione e di linee dirette del gas naturale con densità non superiore e 0,8” del Ministero Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell'Interno, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 107 del 08/05/2008, ed in accordo alle norme UNI vigenti.

Impianto di distribuzione del Comune di Palermo

Punti di consegna fisici dell’impianto di distribuzione
L’impianto di distribuzione a servizio del Comune di Palermo ha due impianti REMI interconnessi, predisposti per ricevere, filtrare, misurare, ridurre di pressione e odorizzare il gas metano, aventi lapotenzialità totale di 141.000 Sm3/h.

Condotte
Le condotte che costituiscono la rete metano della Città di Palermo sono classificabili, in funzione della loro pressione di esercizio, ai sensi del citato D.M. 16/04/2008, come:
· condotte di 4a specie (condotte di adduzione in media pressione);
· condotte di 6a e 7a specie (rete di distribuzione all’utenza).
Le condotte di adduzione in media pressione, indicate nello schema planimetrico con il colore verdesono realizzate con tubazioni in acciaio saldato,  rivestimento esterno in polietilene triplo strato.
La rete di distribuzione metano all’utenza, indicata con i colori rosso e blu, utilizza sia tubazioni in acciaio saldato, con rivestimento esterno in polietilene, che tubazioni in ghisa sferoidale.

Gruppi di riduzione
I gruppi di riduzione della pressione, di secondo salto o finali, realizzati in accordo alle norme UNI UNI 10619:2014, UNI 8827:2015 ed al D.M. 16/04/2008, hanno il compito di alimentare la rete di distribuzione di 6a e 7a specie prelevando il gas dalle condotte di adduzione in media pressione di 4a
specie.

Impianti di derivazione di utenza
Gli impianti di derivazione di utenza interrati ed aerei sono realizzati in accordo al D.M. 16/04/2008 ed alle norme UNI 9860:2006.
· Gli impianti di derivazione interrati sono di 4a, 6a e 7a specie, e sono realizzati con tubazioni in acciaio rivestito in polietilene triplo strato.
· Gli impianti aerei di distribuzione gas sono generalmente di 7a specie, e sono realizzati con tubazioni in acciaio zincato.
I gruppi di riduzione e regolazione della pressione a servizio di punti di riconsegna, installati ove necessario, rispettano le norme UNI 10619:2014, UNI 8827:2015.

Impianto di distribuzione del Comune di Montelepre

Punto di consegna fisico dell’impianto di distribuzione
L’impianto di distribuzione a servizio del Comune di Montelepre ha un impianto REMI, predisposto per ricevere, filtrare, misurare, ridurre di pressione e odorizzare il gas metano, avente la potenzialità di 6.250 Sm3/h.

Condotte
Le condotte che costituiscono l’impianto metano del Comune di Montelepre sono classificabili, in funzione della loro pressione di esercizio, ai sensi del citato D.M. 16/04/2008, come:
· condotte di 4a specie (condotte di adduzione in media pressione);
· condotte di 7a specie (rete di distribuzione all’utenza).
Le condotte di adduzione in media pressione, indicate nello schema planimetrico con il colore verdesono realizzate con tubazioni in acciaio saldato, rivestimento esterno in polietilene triplo strato.
La rete di distribuzione metano all’utenza, indicata con vari colori a seconda del diametro, utilizza tubazioni in polietilene ad alta densità (PEAD).

Gruppi di riduzione
I gruppi di riduzione della pressione, di secondo salto o finali, realizzati in accordo alle norme UNI 8827:2015 ed al D.M. 16/04/2008, hanno il compito di alimentare la rete di distribuzione di 7a specienprelevando il gas dalle condotte di adduzione in media pressione di 4a specie.

Impianti di derivazione di utenza
Gli impianti di derivazione di utenza interrati ed aerei sono realizzati in accordo al D.M. 16/04/2008 ed alle norme UNI 9860:2006.
· Gli impianti di derivazione interrati sono di 7a specie, e sono realizzati con tubazioni in polietilene ad alta densità (PEAD).
· Gli impianti aerei di distribuzione gas sono di 7a specie, e sono realizzati con tubazioni in acciaio zincato.

Impianto di distribuzione del Comune di Camporeale e della frazione di Grisì del Comune di Monreale.

Punto di consegna fisico dell’impianto di distribuzione
L’impianto di distribuzione a servizio del Comune di Camporeale e della frazione di Grisì nel Comune di Monreale ha un impianto REMI, predisposto per ricevere, filtrare, misurare, ridurre di pressione e odorizzare il gas metano, avente la potenzialità di 6.250 Sm3/h.

Condotte
Le condotte che costituiscono l’impianto metano del Comune di Camporeale e della frazione di Grisì nel Comune di Monreale sono classificabili, in funzione della loro pressione di esercizio, ai sensi del citato D.M. 16/04/2008, come:
· condotte di 4a specie (condotte di adduzione in media pressione);
· condotte di 7a specie (rete di distribuzione all’utenza).
Le condotte di adduzione in media pressione, indicate nello schema planimetrico con il colore verdesono realizzate con tubazioni in acciaio saldato, rivestimento esterno in polietilene triplo strato.
La rete di distribuzione metano all’utenza, indicata con vari colori a seconda del diametro, utilizza tubazioni in polietilene ad alta densità (PEAD).

Gruppi di riduzione
I gruppi di riduzione della pressione, di secondo salto o finali, realizzati in accordo alle norme UNI 8827:2015 ed al D.M. 16/04/2008, hanno il compito di alimentare la rete di distribuzione di 7a specie prelevando il gas dalle condotte di adduzione in media pressione di 4a specie.

Impianti di derivazione di utenza
Gli impianti di derivazione di utenza interrati ed aerei sono realizzati in accordo al D.M. 16/04/2008 ed alle norme UNI 9860:2006.
· Gli impianti di derivazione interrati sono di 7a specie, e sono realizzati con tubazioni in polietilene ad alta densità (PEAD).
· Gli impianti aerei di distribuzione gas sono di 7a specie, e sono realizzati con tubazioni in acciaio zincato.

Questo sito utilizza cookie di navigazione e/o di sessione. Inoltre sono presenti cookie di terze parti permanenti di tipo analytics utilizzati per fini di ottimizzazione del sito e cookie legati alla presenza dei “social plug-in”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa. Se accedi acconsenti all'uso dei cookie.